PROFILO INTERPRETI

Rocco Filippini (1943) vai agli altri interpreti

Rocco Filippini è nato a Lugano. Suo padre era il pittore e scrittore Felice Filippini, sua madre, pianista, lo avviò alla musica sin dall’infanzia. Compiuti gli studi sotto la guida di Pierre Fournier, vinse nel 1964 il Concorso Internazionale di Ginevra, iniziando subito dopo la sua carriera. Aperto a tutte le esperienze del concertismo, ha un vasto repertorio che spazia dal Settecento alla musica di oggi. Ha dato centinaia di concerti nei principali centri musicali d’Europa, d’America, del Giappone e dell’Australia, ospite delle più grandi sale (La Scala di Milano, l’Albert Hall e il Festival Hall di Londra, il Thˇ‰tre des Champs Elysˇes di Parigi, la Filarmonica di Berlino, il Musikverein di Vienna, la Hercules Saal di Monaco, il Concertgebouw di Amsterdam, il Lincoln Center di New York, l’Opera House di Sidney, ecc.) e famosi festival (Lucerna, Spoleto, Marlboro, Salisburgo, Edimburgo, Stresa, Pesaro, Ravenna, Helsinki, ecc.). Svolge un’intensa attività discografica. Nel 1968 ha fondato il Trio di Milano e più recentemente il Quartetto Accardo. Suona stabilmente in duo con il pianista Michele Campanella. In tempi recenti ha intensificato la sua attività di direttore d’orchestra e solista direttore, alla testa di complessi quali l’Orchestra da camera di Mantova, l’Orchestra da camera di Padova, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra Scarlatti di Napoli, i Musici di Montreal e altri.È accademico di Santa Cecilia. Docente di violoncello al conservatorio G. Verdi di Milano, ha dato vita ai corsi dell’accademia W. Stauffer di Cremona, è membro della facoltà della Academy of the European Mozart Foundation, diretta da Sandor Végh e tiene numerosissimi corsi di perfezionamento. Alcuni tra i massimi compositori di oggi, quali Luciano Berio, Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino, gli hanno dedicato loro opere. Il suo violoncello è il “Gore Booth” di Antonio Stradivari (1710), uno degli strumenti più pregiati della storia della liuteria.






 

 
- Novurgìa - arte e musica colta contemporanea -
Via Domenichino, 12 - 20149 - Milano    tel. e fax (+39) 02 468157 -   mobile (+39) 335 8112174  
email info@novurgìa.it