PROFILO COMPOSITORI, AUTORI

Armando Gentilucci (1939-1989) vai agli altri compositori

Armando Gentilucci ha studiato a Milano. Compositore, fin dall'inizio ha intrecciato l'attività creativa con la riflessione critica. Tra le sue musiche principali si ricordano: Sequenze per orchestra (1968, premio Ricordi-RAI); Canti di Majakovskij per voci e strumenti (1970); Studi per un dies irae per orchestra (1971/72); Crescendo per trio (1971); In divenire per viola e orchestra (1974); Che voi pensiate , azione elettroacustica (1974); Molteplice   per trio e nastro   magnetico   (1976); Mensurale per archi (1977). Autore di saggi sulla musica nuova, ha scritto una Introduzione alla musica elettronica . Ha diretto per vent'anni l'istituto musicale di Reggio Emilia, dopo aver insegnato nei conservatori di Bolzano, Milano e Trento.

Le clessidre di Dürer (per clarinetto, pianoforte, violino e violoncello); opera eseguita a Milano alla Palazzina Liberty il 19 ottobre 1995
Il brano appartiene all'ultima fase creativa dell'autore, quella che portò all'opera Moby Dick . In questo quartetto risaltano alcuni caratteri tipici della produzione ultima, fra cui una particolare attenzione timbrica, mai intesa in senso coloristico bensì di sofferta espressività, spesso evidenziata con dinamiche estreme, in registri a loro volta estremi. Più che una rigorosa costruzione in cui spiccano alcuni elementi strutturalmente caratterizzanti (gli intervalli di settima maggiore o di quinta, per esempio, sovrapposti) è interessante osservare una tensione che non viene mai meno, neppure nelle rare zone in cui la polifonia strumentale, generalmente piuttosto fitta, diviene più rarefatta. Da notare il finale, in tempo 5/8, in cui il pedale di risonanza del pianoforte, costantemente abbassato, avvolge il quartetto in una nube sonora di grande tensione, pur in una dinamica molto debole.

 

 
- Novurgìa - arte e musica colta contemporanea -
Via Domenichino, 12 - 20149 - Milano    tel. e fax (+39) 02 468157 -   mobile (+39) 335 8112174   email info@novurgìa.it