Il Melologo

PENSIERO STATICO BAROCCO


per voce recitante, pianoforte e marimba,
musica e testo di Mirco Marchelli

La volta che mi darà di volta quel che tra nubi è sito ad alta quota me ne scenderò sereno al mare nel tentativo di raddrizzar le onde tonde quindi sono le forme da contrastar che sì tanta lena la si costringa se di insicura sorte comporti il fatto di malriuscito intento pena il vituperio e l'ignominia che li si avverte pur sempre in casi analoghi al galleggiare aereo in sospensione idraulica
profondamente instabile se il risultato di inopinati strali indirizzati appunto al fin consunto e in fine evinto non ci convinca poi sin fino in fondo e quindi a zero ci ritroviam da capo a meditar trastulli più eloquenti e sazi e savio è l'uom che se ne infischia di inerpicarsi e all' erta pur sempre sta:

che i gatti già lo sanno ftase successiva al pensiero mio senza punteggiatura riferimenti ce ne saranno tanti e vani e tratti secondo illogici controlli delle mie vaghe pene paghe si sa di quelle già fatte barricate da loro senza uno schema prestabilito come da copione che si fa da se e poco importa di quanto sto dicendo perche un senso c'è che senza non si procede ma sto qui solo e lo ribadisco
senza vergogne tali per cui ne ho già avute tante e ne riavrò fintanto vivo e lo ripeto con niente fatto prima e neanche dopo che tanto è uguale a tutti anche a quelli che non lo sanno facenti parte in parte dei miei punti senza le virgole che non le so usare ed è per questo e forse anche per altro che faccio notte che non mi piace che la mattina più mi si addice che almeno passa già più veloce che al pomeriggio mi vien da piangere e so di certo che non lo faccio perche codardo o forse un po' testardo nello sperar di cose tante e belle e successive altre poste chissà dove io non ci so arrivare
che tutto è buono anche quello che non ci piace che mi si addice ma non più di tanto e contraddice si o no il pensiero mio citato prima che incominciassi a dire che so procedere tardivamente e anche un po' dopo che già mi piaccio col palmo al mento e già mi pento:

qualora venisse alla mente un viaggio i sospiri siano più di tre che è un po' il patir l'alta marea che non ci tenga poi più di tanto a galla che poi il rimedio è pur stufa accesa con quanto a basta di minestrone in pie.

 

 
- Novurgìa - arte e musica contemporanea -
Via Domenichino, 12 - 20149 - Milano    tel. e fax (+39) 02 468157 -   mobile (+39) 335 8112174   email info@novurgìa.it